Blockchain: approvato emendamento per valore legale delle registrazioni

Forse è ancora poco conosciuta, ma la Blockchain (in italiano catena di blocchi)?  Si tratta di una nuova tecnologia che può rendere le transazioni e le relazioni su internet più semplici, affidabili, sicure e trasparenti.

L'Italia ha avviato l'iter per consentire e regolamentare l'utilizzo di questa tecnologia come strumento di certificazione degli scambi di informazioni e di valore su Internet.

E' stato infatti approvato dalle Commissioni Affari Costituzionali e Lavori Pubblici del Senato un emendamento al Disegno di Legge "Semplificazioni" relativo alle tecnologie basate su registri distribuiti e gli smart contract, delle quali fa parte la Blockchain, la tecnologia che è alla base della registrazione e sicurezza delle transazioni in bitcoin e in altre criptovalute.

L'emendamento proposto da Stefano Patuanelli, del Movimento 5 Stelle, prevede che entro 90 giorni dall'entrata in vigore della legge, l'Agenzia per l'Italia Digitale individui gli standard tecnici di tali registri, in modo da rendere le registrazioni valide a tutti gli effetti di legge.


Stefano Patuanelli
Il Parlamento mette nero su bianco la definizione di Blockchain e Smart contract: le commissioni Affari Costituzionali e Lavori Pubblici del Senato hanno infatti approvato l’emendamento al Dl Semplificazioni che vede come primo firmatario Stefano Patuanelli (M5S) che definisce formalmente le “tecnologie basate su registri distribuiti”, quindi la Blockchain, e gli Smart Contract.

Una volta che il decreto sarà stato convertito in legge, l’Agenzia per l’Italia digitale (AGID) avrà 90 giorni di tempo per individuare gli standard tecnici perché i documenti informatici trattati con queste tecnologie possano avere valore giuridico a tutti gli effetti, come previsto dalle norme europee sull'identificazione elettronica.

Secondo il testo dell’emendamento per tecnologie basate su registri distribuiti si intendono “le tecnologie e i protocolli informatici che usano un registro condiviso, distribuito, replicabile, accessibile simultaneamente, architetturalmente decentralizzato su basi crittografiche, tali da consentire la registrazione, la convalida, l’aggiornamento e l’archiviazione di dati sia in chiaro che ulteriormente protetti da crittografia verificabili da ciascun partecipante, non alterabili e non modificabili”.

Quanto allo Smart Contract, secondo il testo approvato dalle commissioni in Senato è “un programma per elaboratore che opera su Tecnologie basate su registri distribuiti (…) la cui esecuzione vincola automaticamente due o più parti sulla base di effetti predefiniti dalle stesse”.

Il Senato della Repubblica
Gli Smart Contract, prosegue l’emendamento, “soddisfano il requisito della forma scritta previa identificazione informatica delle parti interessate, attraverso un processo avente i requisiti fissati dall’Agenzia per l’Italia digitale con linee guida da adottarsi entro 90 giorni dall’entrata in vigore della legge di conversione del decreto legge”.

Nello specifico, lo Smart Contract è un programma basato su un codice che contiene sia le clausole concordate sia le condizioni operative necessarie per il funzionamento di un prodotto o servizio.

In sostanza l’oggetto del contratto “entra in funzione” quando le situazioni reali corrispondono alle clausole e alle condizioni predefinite.

L’aspetto innovativo è ovviamente la totale assenza di un intervento umano, dei classici intermediari come avvocati o notai.

L’emendamento approvato oggi a Palazzo Madama fa parte di un pacchetto più ampio di modifiche al Dl semplificazioni sul digitale, tra i quali la completa eliminazione della carta nel processo telematico e la possibilità di raccogliere firme per i referendum anche tramite firma digitale o equiparata. 

A.S. - Corriere delle Comunicazioni, 23/02/19
www.corrierecomunicazioni.it/pa-digitale/blockchain-e-smart-contract-primo-via-libera-in-senato/

Commenti

Post popolari in questo blog

Torino Digital Days, dal 6 al 9 febbraio 2019

Dal 13 al 15 febbraio va in scena a Torino l'Industria 4.0

Sistemi di gestione aziendali e digitalizzazione